Menu

Non hai articoli nel carrello.

SPEDIZIONE E RESO GRATUITI IN TUTTA ITALIA

L'importanza del colore

L'importanza del colore

L'importanza del colore

Sarebbe impossibile immaginare la moda del XX e del XXI secolo senza il blu Lanvin, il nero Balenciaga o il bianco e nero firmato Chanel. O ancora senza il rosso Valentino, il rosa shocking di Schiaparelli, il bianco futuristico di Courrèges o quello concettuale di Margiela. Lo scenario della moda non sarebbe lo stesso senza le combinazioni di colori ideate da stilisti come Emanuel Ungaro o Kenzo, che si ispira al mondo dei fiori. O ancora senza gli abbinamenti azzardati di arancio, fucsia e rosso di Yves Saint Laurent e Christian Lacroix, che evocano Matisse.

La moda del XX e del XXI secolo scaturisce dall'estro di questi stilisti e dalla relazione unica e affascinante che i loro sguardi hanno saputo intessere con alcune immagini colorate. Si tratta di un percorso unico e personale che ciascun stilista ha affrontato con la propria tavolozza cromatica, armonicamente elaborata per creare una forma, un volume e di fatto il proprio universo.

Il colore è, infatti, un elemento fondamentale nel processo creativo. Spesso è il primo elemento che cattura l'attenzione e influisce sul modo in cui sono percepiti un capo o una collezione. Esso può essere il punto di partenza di una collezione o di un progetto. Selezionare un colore o una tavolozza di colori per una collezione è una delle prime decisioni da prendere perché spesso giuda l'ispirazione nella stagione di riferimento. E' pertanto indispensabile conoscere alcune nozioni di base sulla teoria del colore e sul modo in cui i colori possono essere creati e coordinati.

Per la collezione TitìMilano della primavera estate 2017 anch'io sono partita dal colore. L'estrema pulizia delle silhouette e delle texture dei capi in maglia di viscosa rendeva necessario puntare con decisione su una palette decisa di tonalità sapientemente abbinate, che prevede un gioco di tinte pastello ed energetiche dell'arancio e del bluette, con qualche tocco bianco e nero. Volendo provare a dare una definizione dei colori pastello potremmo dire che si tratta di una tonalità con un alto valore di luminosità e una saturazione molto bassa. I colori pastello sono associati molto spesso alla primavera poiché il basso livello di saturazione ricorda il risveglio del colore subito dopo il periodo del letargo invernale, prima che arrivi l’estate con la sua esplosione di colori carichi. I colori pastello richiamano ottimismo, innocenza, festa e gioia. Come se non bastasse sono proprio tornati di moda. Ce ne accorgiamo guardando le collezioni primavera estate, ma anche sfogliando le riviste dedicate al design di interni e all’architettura.

Nella collezione di maglieria primavera estate 2017 di TitìMilano ho voluto voluto giustapporre le tinte energetiche dell'arancio e del bluette ai delicati colori pastello, perché ognuna di queste categorie di colore per me rappresenta un mondo stilistico che è confluito nella collezione di maglie primavera estate.

Da una parte c'è l'aspetto rétro-chic della collezione, quel bon-ton di cui abbiamo più volte parlato, perfetto declinato in tonalità chiare e femminili. Per bilanciare l'aspetto romantico della collezione ci voleva però una sferzata di grinta, per questo ho scelto i colori shock e decisi, che rimandano al mondo dello sport, delle T-shirt, delle felpe e delle tute delle divise delle squadre. 

Ogni anima della collezione di maglie TitìMilano trova così la sua giusta espressione insomma!

Se anche voi siete sensibili all'effetto energizzante del colore, e volete scegliere la nuance che più vi si addice, visitate il nostro show-room per una insolita seduta di cromotrapia: umore e stile ne trarranno sicuramente giovamento!

A presto

Francesca

Recent Posts