Menu

Non hai articoli nel carrello.

SPEDIZIONE E RESO GRATUITI IN TUTTA ITALIA

Maglieria: un volume straordinario anzi "Maglifico!"

Maglieria: un volume straordinario anzi "Maglifico!"

Maglieria: un volume straordinario anzi "Maglifico!"

A chi desideri documentarsi sulla maglieria made in Italy consiglio un volume edito nel 2012 da Skira , come catalogo di una mostra andata in scena a Palazzo Morando a Milano: "Maglifico! 50 anni di straordinaria maglieria made in Italy".

L'opera, curata da Emmanuelle Dirix e Federico Poletti (ancora in vendita, ad esempio sul sito di Skira), rappresenta un percorso che intende svelare gli aspetti creativi e produttivi della maglieria italiana, così importate negli ultimi 50 anni nello scenario della moda internazionale. "Maglifico! 50 anni di straordinaria maglieria made in Italy" è, infatti, un omaggio alla capacità dimostrata dalle nostre aziende di saper trasformare la creatività più sperimentale in progetti replicabili su scala industriale o in veri e propri pezzi unici.

Offre infatti un panorama completo del saper fare italiano, che si snoda attraverso le regioni produttive, le filature e i maglifici, oggi fiore all’occhiello del made in Italy, fino alle creazioni dei più importanti designer provenienti da tutto il mondo. Un solo “filo” lega tutti questi capi eccezionali: l’essere prodotti da manifatture italiane. Il catalogo permette di cogliere aspetti fondamentali del tricot italiano nel suo sviluppo.

Comincia dai designers che da sempre hanno messo la maglieria al centro delle loro collezioni come Krizia, Laura Biagiotti, Missoni, per arrivare fino alle creazioni più sperimentali di Prada, Antonio Marras e Saverio Palatella, con incursioni negli archivi di Gianfranco Ferré, Giorgio Armani e Romeo Gigli alla scoperta di capi caratterizzati da straordinaria maestria tecnica e artistici.

Infine, a testimonianza del continuo dialogo tra haute couture e cultura pop, è inserito il “caso Benetton”, realtà che dagli anni Sessanta ha rivoluzionato il mondo della maglieria, con le sue maglie colorate dall'ottimo rapporto prezzo/qualità e i suoi negozi, che hanno invaso le città, portando la maglieria al centro della scena quotidiana.

Attraverso saggi critici e testi degli stessi protagonisti della moda, il volume ripercorre la storia della maglieria in tutte le sue declinazioni, indagandone le nuove frontiere e proponendo nuovi percorsi attraverso l’innovazione tecnologica e il suo utilizzo da parte dei giovani designer. Un' iniziativa che la giornalista e critica di moda Giusi Ferrè (fra i curatori della mostra, insieme ad Angelo Figus e Federico Poletti) riassume così: “Seguire il filo di Arianna (per trovare la salvezza). Individuare il fil rouge che lega sotterraneamente pensieri diversi. Perdere il filo (e fermarsi a metà di un discorso). Ma è meglio ritrovarlo e riprendere svelti la parola. E mostrare ciò che di eccezionale nasce da un filo: quella maglieria dalle mille vite e dagli infiniti aspetti, che rappresenta lo spirito più sensuale e duttile della moda. Il filo della creatività”.

Vi consiglio quindi di sfogliare e leggere "Maglifico! 50 anni di straordinaria maglieria made in Italy": un viaggio attraverso la storia della maglia made in Italy, che celebra di fatto la maestria nel dare forma e consistenza alle idee attraverso la maglieria, il colore, la tecnica, il volume e l’invenzione.

Buona lettura!

A presto

Francesca

Recent Posts