Menu

Non hai articoli nel carrello.

SPEDIZIONE E RESO GRATUITI IN TUTTA ITALIA

Maglieria: i giovani stilisti nel mirino di Lineapiù

Maglieria: i giovani stilisti nel mirino di Lineapiù

Maglieria: i giovani stilisti nel mirino di Lineapiù

Oggi voglio parlarvi di un’ altra iniziativa che premia le capacità stilistiche e l’ estro nella maglieria.

Questa volta si tratta di un concorso promosso da Lineapiù, azienda italiana leader nei filati di qualità.

La Fondazione Lineapiù ha, infatti, istituito il programma Talents Lineapiù, dedicato a sostenere i nuovi talenti della moda in maglia: giovani stilisti del panorama nazionale e internazionale che si sono distinti per l’ utilizzo dei filati e la qualità della maglieria.

Il concorso, che intende selezionare e premiare un talento ogni stagione, si rivolge a designer già operativi nel mondo del fashion. I "papabili" quindi non sono studenti di moda, come avviene in altre competizioni simili, ma stilisti che hanno già un proprio marchio e una distribuzione. A giudicarli sarà un comitato scientifico composto da addetti ai lavori, che due volte l’anno indicherà il vincitore del Lineapiù Award. Il vincitore del premio potrà usufruire di una borsa triennale che gli garantisce per sei stagioni commerciali (ossia tre primavera-estate e tre autunno-inverno) la sponsorizzazione tecnica dei filati Lineapiù e Filclass (marchio della medesima casa) per la creazione del proprio campionario. Le iscrizioni al contest sono aperte dal 15 luglio al 15 settembre 2017 sul sito lineapiu.com. Il 15 ottobre 2017 verrà assegnato il primo Lineapiù Award 2017.

Fondata nel 1975 a Capalle - Campi Bisenzio, vicino a Firenze, Lineapiù si mette in luce ben presto per la sua vocazione alla ricerca e all’ innovazione: a questa azienda si devono, infatti, importanti novità che hanno rivoluzionato la storia della maglieria, a partire dall'introduzione del primo filato 100% viscosa nel 1987 o del filo Relax nel 1990 con una percentuale di carbonio contro l’ inquinamento elettromagnetico o ancora del filo d'aria, vuoto all'interno che, leggero e vaporoso, protegge dagli sbalzi termici, proposto agli inizi del Duemila. Nei laboratori dell’ azienda nascono filati che creano tendenze e rappresentano l’ avanguardia per colori, strutture e mischie.

Lineapiù può contare su un processo produttivo integrato, realizzato completamente all’ interno delle proprie strutture, al fine di creare filati al 100% made in Italy, che ogni stagione arricchiscono le collezioni Lineapiù, Filclass e Lineapiù Knit Art. Dal 1975 a oggi ha creato oltre 4mila filati, oltre 30mila teli con punti maglia e migliaia di capi in maglieria sperimentale. Una preziosa mole di materiali, conservata all'interno dell'Archivio Storico Lineapiù.

Alla recente edizione di Pitti Immagine Filati, Lineapiù ha presentato per la stagione autunno-inverno 2018/2019 il frutto di una ricerca svolta su quattro fibre pregiate, che rappresentano quattro storie diverse, accomunate, tuttavia, dalla ricerca dell’ eccellenza: il Mohair finezza 24 micron sudafricano, l'Alpaca Baby finezza 20/21 micron che si trova solo negli altipiani del Perù, il Cammello Baby finezza 17 micron proveniente dagli altipiani della Mongolia e, infine, lo Yak Baby finezza 20 micron allevato nelle montagne sacre del Tibet. Filati dalle caratteristiche superiori, frutto di un sapiente uso della tecnologia e dei processi manifatturieri, che hanno inteso preservare ed esaltare le proprietà naturali della materia, rispettandone la storia e l'identità.

Un’ attività intensa quella di Lineapiù, che ora ha anche un risvolto da mecenate con l’ istituzione del concorso per giovani stilisti del knitwear Talents Lineapiù, i cui vincitori saranno incentivati a lavorare con i filati della casa che ha contribuito significativamente a rivoluzionare la storia della maglieria.

Un’ ottima opportunità!

A presto

Francesca

Recent Posts